Traduci con Google

Feste e Sagre

Ghilarza è un territorio ricco di festività che, ricorrendo periodicamente, sono per i locali un'occasione di riscoperta delle proprie radici e, per il turista, un'opportunità di incontro con tradizioni e cultura della gente del posto. Le feste della tradizione, le sagre, le manifestazioni di tipo culturale o folklorico, possono considerarsi un momento di ritrovo in cui si festeggia divertendosi. L’espressione comunitaria della religiosità popolare di Ghilarza si manifesta nella grande partecipazione che si registra ancora oggi durante le principali celebrazioni dell’anno liturgico. Le intense rappresentazioni della Settimana Santa, che hanno conservato nei secoli i suggestivi costumi della tradizione, aperti con le celebrazioni della Domenica delle Palme, con la benedizione delle palme intrecciate secondo l’antica tradizione spagnola. I toccanti riti della lavanda dei piedi del Giovedì e de S’Iscravamentu del Venerdì Santo in cui sos Cuffrades rievocano i sacri avvenimenti nelle forme e con i costumi di un tempo. Al culmine delle celebrazioni la suggestiva processione de S'Incontru nella domenica della Pasqua tra il Cristo Risorto, con il corteo che parte dalla Chiesa di San Palmerio e il commovente incontro con la Madonna Addolorata nella piazza della Chiesa Parrocchiale. Un elemento che contraddistingue le principali celebrazioni religiose, e ne sottolinea la solennità, è dato dalle forme della partecipazione popolare: l'apertura dei riti con suggestive processioni a cavallo, apripista per i gruppi in costume tradizionale che annunziano l’arrivo de Sas Infradicia incaricate dell’organizzazione dei festeggiamenti religiosi, che affiancando i Ministranti portano i vessilli e l’effige della Chiesa e dei Santi. È così per la Pasqua, per Sa Candelora, rievocazione della presentazione di Gesù al tempio, per i festeggiamenti in onore di San Palmerio, di Sant’Isidoro, patrono del lavoro nei campi, e di Sant’Antioco. In ciascun novenario campestre appare inoltre di grande suggestione quanto si ripete da secoli in occasione dei periodi di festa quando la statua del Santo, annunciata dal rintocco delle campane della chiesa a lui dedicata e accompagnata dai tradizionali goloso, è portata in processione dai novenanti come testimonianza di fede presso tutti i muristenes che si ripopolano per l’occasione. I festeggiamenti religiosi in onore dei Santi venerati nel territorio sono sempre accompagnati da ricchi calendari di eventi civili, gare sportive, esibizioni artistiche e musicali con la partecipazione dei personaggi più noti dello spettacolo nel panorama regionale e nazionale. Grande importanza è sempre data ai momenti di vita comunitaria che trovano la loro più alta rappresentazione nel tradizionale Pranzo dei novenanti caratteristico in tutti i novenari del territorio ghilarzese cui prendono parte tutti coloro che popolano i muristenes durante il periodo della novena in onore del Santo.


Testo tratto dal sito del Comune di Ghilarza